Un mondo di notizie

Appunti su: economia, società, ambiente e solidarietà

Insultò la Kyenge su Facebook: il leghista Pedrali condannato per odio razziale

Lascia un commento

Una fotografia postata su Facebook dell’ex ministro Cecile Kyenge accostata a quella di un orango e accompagnata dal commento “dite quello che volete ma non assomiglia ad un orango, dai guardate bene” è costata una condanna per diffamazione, con l’aggravante della discriminazione e dell’odio razziale ad Agostino Pedrali, ex assessore ai Servizi Sociali del Comune di Coccaglio. A sentenziarlo è stato il Tribunale di Brescia. La sentenza, oltre a riconoscere nella condotta di Pedrali elementi evidentemente diffamatori, infatti, riconosce e applica l’aggravante della discriminazione e dell’odio razziale, prevista dalla legge Mancino.

32606_230x150

La Camera del Lavoro di Brescia e la Fondazione Guido Piccini per i diritti dell’Uomo, che avevano espresso parole di forte critica nei confronti del post pubblicato dall’ex assessore, esprimono viva soddisfazione per la sentenza emessa dal Tribunale di Brescia. “Ancora una volta il Tribunale di Brescia dimostra una particolare sensibilità su questi temi, tutelando il diritto di ciascuno alla differenza – si legge in una nota della Cgil di Brescia -. La sentenza, inoltre, contribuisce a dare rinnovata forza al lavoro di chi, giorno per giorno, vigila affinché episodi simili non si ripetano”.

 

Articolo pubblicato il 17 aprile 2014 su BsNews.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...