Un mondo di notizie

Appunti su: economia, società, ambiente e solidarietà


Lascia un commento

BBC mette di nuovo Apple sulla graticola

Un nuovo servizio mette in luce le ombre della catena di produzione di iPhone. Stavolta arrivando fino alle profondità delle miniere dove viene estratto il suo alluminio

Roma – Secondo un’indagine condotta in incognito dal programma BBC Panorama, le condizioni dei lavorati cinesi impiegati nelle fabbriche dei fornitori locali di componenti per la produzione di iPhone 6 non sono affatto migliorate .

Annunci


Lascia un commento

Apple, report della BBC: “Bullismo e condizioni disumane in Cina e Indonesia”

Le condizioni di lavoro negli stabilimenti Apple in Cina e Indonesia al centro di un duro reportage della Bbc. La tv britannica ha inviato tre squadre di operai che hanno lavorato sotto copertura nelle fabbriche cinesi riprendendo le condizioni di lavoro dei dipendenti che fabbricano iPhone e gli altri gadget tecnologici della Mela. Continua a leggere


Lascia un commento

Lavoratori alla frusta per fare gli iPhone, Apple offesa con la BBC – Tom’s Hardware Mobile

Un reportage della BBC evidenza condizioni di lavoro disumane nelle fabbriche Pegatron, uno dei fornitori Apple. In Indonesia ci sono bambini che lavorano nelle miniere di stagno. Apple si dice offesa da un servizio che non cita gli sforzi fatti per affrontare il problema.

La BBC ha pubblicato un reportage nel quale ancora una volta vengono evidenziate le condizioni disumane in cui si trovano i lavoratori che producono i prodotti Apple nelle fabbriche dei fornitori cinesi – si parla di Pegatron in particolare. I giornalisti stavolta sono riusciti a far entrare delle videocamere nelle linee di montaggio, mostrando così prove indiscutibili di fatti che tutti purtroppo potevamo intuire. Continua a leggere


Lascia un commento

Xiaomi, il colosso cinese che spaventa Samsung e Apple

Nata da soli quattro anni la società di Shanghai è già il terzo rivenditore di smartphone al mondo
Lei Jun, Ceo di Xiaomi/ Wang Zhao

In molti ormai l’hanno ribattezzata la Apple cinese. E in fondo la società fondata da Lei Jun nel 2010, negli ultimi mesi ha fatto davvero di tutto per accaparrarsi questa nomea, a cominciare dal lancio sul mercato di dispositivi troppo simili a quelli di Cupertino.

Continua a leggere


Lascia un commento

Che cos’è l’inchiesta LuxLeaks sul Lussemburgo

Regimi fiscali favorevoli concessi a oltre 340 aziende, tra cui 31 italiane. Coinvolto il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker

Jean-Claude Juncker (Foto: LaPresse)Jean-Claude Juncker (Foto: LaPresse)

La cosiddetta LuxLeaks è un’inchiesta nata dalla collaborazione tra 80 giornalisti provenienti da 26 Paesi Continua a leggere


Lascia un commento

iPhone 6 Plus è una padella? In arrivo jeans e pantaloni con tasche più grandi

iphone 6 plus

Il mondo della moda si adegua all’arrivo di iPhone 6 Plus. Marchi importanti di abbigliamento e designer di pantaloni e jeans pensano di ingrandire le tasche dei propri indumenti, così da poter ospitare senza preoccupazioni iPhone 6 Plus. Continua a leggere


2 commenti

Quanto costa produrre un i-Phone 5

Costo Componenti iPhone 5

L’immagine soprastante mostra il valore di fabbrica del modello 16 GB di iPhone 5 che viene venduto a 729€ in Italia (ben 229€ in più rispetto agli USA e 160€ rispetto all’Olanda). Il costo reale dell’iPhone 5 è di circa 190€ ed calcolato in base al costo reale di ogni componente del terminale di Apple. Ciò significa che la Apple vende il suo prodotto a cinque volte più del valore reale. E’ costruito in Cina nella fabbrica Foxconn (costruisce componenti elettronici, componenti per automobili e modanature) ed è per questo che i costi di Apple sono così bassi.

Continua a leggere


Lascia un commento

Apple sotto inchiesta a Milano per frode fiscale di oltre un miliardo

970824_10200381523876916_1094886668_n

I pm del capoluogo lombardo ipotizzano che la multinazionale di iPhone e Mac abbia nascosto al Fisco un imponibile di oltre un miliardo in soli due anni. Il legale del colosso di Cupertino è l’ex ministro Severino

La procura di Milano addenta la mela di Apple, la multinazionale californiana dell’iPhone. L’attività della filiale italiana è infatti oggetto di una indagine penale che ipotizza il reato di dichiarazione dei redditi fraudolenta, al momento contestato a due manager dell’azienda, in concorso tra loro e con l’aggravante della continuazione nel tempo. Il nome dei due dirigenti Continua a leggere


Lascia un commento

E lo stagno degli smartphone?

bos2

I colossi dell’elettronica parlano spesso di responsabilità sociale ma tacciono, o danno risposte evasive, sulla provenienza e le condizioni di lavoro nella produzione dello stagno necessario alle saldature delle placche elettroniche degli smartphone o dei tablet. Si può ragionevolmente supporre, tuttavia, che almeno il 30 per cento dello stagno attualmente utilizzato provenga dall’industria mineraria indonesiana di Bangka, dove ogni settimana almeno una persona muore di lavoro. Continua a leggere


Lascia un commento

Apple: venduti 150 milioni di iPhone e 71 milioni di iPad nel 2013

f7ab4bab9134348b0750088d3d886f27

Nella giornata di ieri Apple ha reso noti i risultati fiscali relativi all’ultimo trimestre dell’anno, il Q4 2013. Ora che l’anno finanziario si è concluso possiamo tirare un po’ le somme sulle vendite e sui guadagni della società con sede a Cupertino. In questo 2013 (fiscale), Apple ha venduto ben 150 milioni di iPhone, 71 milioni di iPad e 16 milioni di Mac. Queste vendite hanno portato nelle casse di Apple 171 miliardi di dollari, di cui 37 miliardi di dollari di utile netto. Nel 2012 Apple vendette 58,3 milioni di iPad e 125 milioni di iPhone, ricavando 156,6 miliardi di dollari, con un utile netto pari a 41,66 miliardi.

 Apple ha restituito ben 36 miliardi dollari agli investitori nel corso degli ultimi cinque trimestri. Tim Cook, l’attuale CEO di Apple, ha dichiarato di avere in programma di restituire un totale di 100 miliardi di dollari agli investitori.

Articolo di Alessandro Moretti del 29 ottobre 2013 tratto da Techgenius