Un mondo di notizie

Appunti su: economia, società, ambiente e solidarietà


Lascia un commento

È ufficiale: Cina sorpassa Usa, prima economia al mondo

La conferma arriva dall’ultima classifica del Fmi, calcolata sul Pil “reale”. Italia fuori dalla top ten. Scalzati dall’Indonesia.
Per l'Fmi, la Cina supera gli Usa: ora il Dragone è la prima economia al mondo

Per l’Fmi, la Cina supera gli Usa: ora il Dragone è la prima economia al mondo

NEW YORK (WSI) – Ora è ufficiale. La Cina supera gli Stati Uniti, diventando la prima economia mondiale. La conferma arriva dal Fondo Monetaria Internazionale, secondo cui nel 2014 il Pil “reale” della Cina quest’anno ammonterà a 17,6 trilioni di dollari contro i 17,4 trilioni degli Stati Uniti.

In pratica, il gigante asiatico ora ha le mani sull 16,5% dell’economia globale contro il 16,3% che fa capo agli Stati Uniti. La classifica prende in considerazione il Prodotto interno lordo a parità di potere d’acquisto (un metodo per aggiustare i diversi livelli di costo della vita). 

Se si considera il tasso di cambio, l’economia americana rimane più grande di quello della Cina, presumibilmente di quasi il 70%. Ma tali misure, anche se sono ampiamente seguite, hanno poco significato, fanno notare gli analisti di MarketWatch. 

Ma ci sono ben altre sorprese nei primi dieci posti di questa classifica. L’India balza al terzo posto superando Giappone e Germania. La Russia e il Brasile, ora sesta e settima, superano la Francia. L’Indonesia conquista il nono posto, scavalcando così l’Inghilterra che viene relegata al fanalino di coda. L’Italia di conseguenza resta fuori dalla top ten. (mt)

Articolo pubblicato su www.wallstreetitalia.com il 4 dicembre 2014


Lascia un commento

Giappone: giovani, meglio tablet che sesso

970824_10200381523876916_1094886668_n

LONDRA, 28 OTT – Meglio il tablet o lo smartphone rispetto al sesso o ancora di più a una relazione stabile.

Inchiesta Guardian, 45% ragazze non interessate a rapporti intimi
Secondo un’inchiesta del Guardian la pensano cosi’ milioni di giovani giapponesi che si stanno sempre di più allontanando dai rapporti interpersonali per concentrarsi, invece, sulle nuove tecnologie. L’inchiesta del giornale indica che il 45% delle ragazze giapponesi fra 16 e 24 anni non sono interessate o disprezzano il contatto sessuale. Oltre un quarto degli uomini della stessa età la pensa così.

Notizia Ansa del 28 ottobre 2013